Articoli

Miglior materasso sfoderabile

Materasso sfoderabile o non sfoderabile?

Il materasso sfoderabile nell’immaginario collettivo è più facile da pulire perché è possibile rimuovere la fodera e lavarla in lavatrice. Questa operazione ci da la sensazione che il materasso duri più a lungo, ma siamo sicuri che sia veramente così?

 

Ogni quanto tempo bisogna cambiare il materasso?

Partiamo dal presupposto che l’ottimo è cambiare il materasso almeno ogni 10 anni sostanzialmente per due ragioni:

  • il peso del corpo nel tempo va a deformare il materasso, ecco perché consigliamo di girarlo periodicamente;
  • per una questione igienica. Anche la migliore casalinga esperta niente può contro il sudore e altre sostanze che vengono rilasciate dal nostro corpo e che nel tempo vengono assorbite dal materasso. Così come l’umidità, soprattutto nei materassi in memory e in poliuretano che per loro natura sono “spugne”.

Questo presupposto vale per tutti i tipi di materasso anche per quelli qualitativamente migliori o più longevi per loro caratteristiche intrinseche (un materasso a molle in genere dura di più di uno in memory).

 

Materasso sfoderabile o materasso non sfoderabile?

Torniamo a parlare della scelta tra un materasso sfoderabile o uno “ bordato” (cucito interamente) come lo chiamiamo in gergo noi produttori.
Lo sfoderabile è provvisto di fodera con cerniera che può essere lavata in lavatrice, ma mi raccomando, occhio alle temperatura! Al 99% la fodera di uno sfoderabile è realizzata con un tessuto sintetico o misto, perché questi materiali rendono possibili lavorazioni più particolari come lo “stretch” che ha la capacità di resistere agli stropicciamenti, è più elastico e risulta molto morbido e confortevole al tatto. D’altro canto però non regge le alte temperature, perciò consiglio di lavare le fodere a massimo 40 gradi, 30 gradi per stare proprio tranquilli.

In più c’è un altro fattore: se sfoderare e rifoderare un materasso singolo si può fare in autonomia con un po’ di olio di gomito, lo stesso non si può dire dello sfoderare e soprattutto rifoderare un matrimoniale. Come minimo bisogna essere in due per riuscire a sostenere il peso del materasso e allo stesso tempo inserire la fodera.

Per scelta aziendale, abbiamo un solo materasso sfoderabile nella nostra gamma, ed il materasso “Magico”, in poliuretano e memory foam. È questo qui in foto:

Materasso matrimoniale in memory Harmony Magico

Prediligiamo infatti i materassi non sfoderabili, non solo a molle, ma manche in poliuretano espanso e memory.

Acquistare un materasso non sfoderabile può dare la sensazione di poca igienicità, ma ti assicuro che non é assolutamente così!
Noi consigliamo di sanificare periodicamente con il vapore, l’unico vero disinfettante, naturale, che uccide davvero tutti i batteri. Inoltre in tutti i nostri materassi non sfoderabili inseriamo uno strato di super imbottitura in fibra poliestere lavorata da noi che oltre a donare una maggiore morbidezza è anche coibente, ovvero funge da isolante termico rendendo il materasso fresco d’estate e caldo d’inverno.

Per questo abbiamo studiato e realizzato il materasso Incanto, in memory, ma non sfoderabile. Se vuoi approfondire le caratteristiche dei materassi in poliuretano ti consiglio di leggere anche questo articolo:

 

Capita spesso che i clienti che ci vengono a trovare in Show Room ci chiedano: il materasso è meglio sfoderabile o non sfoderabile?
In realtà uno non è peggiore dell’altro, come non è migliore. Sono due sistemi con diversi metodi di manutenzione e pulizia.

Se hai trovato interessante questo articolo e vuoi maggiori informazioni, puoi scrivermi una mail all’indirizzo cristina.gambino@harmonyligienico.com o qui nello spazio dei commenti.

Guida su come scegliere il materasso

Come scegliere il materasso: budget, prova e acquisto – La guida

Il nostro materasso generalmente ci accompagna in una o più fasi della nostra vita e a volte ci si affeziona perfino.
Ma quand’è che sentiamo il bisogno di cambiare il materasso?

Il primo campanello d’allarme è il mal di schiena mattutino, che può essere dovuto a tante situazioni:

  • il materasso inizia a sentire i segni del tempo (tessuto usurato, imbottitura ormai inesistente);
  • a volte anche cattivo odore (dipende dai materiali di cui è composto);
  • oppure può succedere di fare un acquisto sbagliato e la tipologia non fa al caso nostro;
  • o semplicemente sentiamo il bisogno di cambiare per provare un articolo nuovo in base alle ultime tendenze.

E tu in quale situazione ti trovi?

Vediamo passo per passo come affrontare l’acquisto di un nuovo materasso.

 

La scelta del nuovo materasso

Nell’epoca in cui viviamo non è difficile reperire informazioni prima di effettuare un acquisto. Ci sono molti siti rivolti ai consumatori nei quali ti puoi informare in via preliminare, cito per fare un esempio altroconsumo.com, ma ce ne sono molti altri che si possono consultare.
Questa fase iniziale può aiutarti a farti un’idea dei tipi di materassi in commercio, delle dimensioni, se la spesa è detraibile e quando, insomma tutta una serie di informazioni per arrivare più preparato al momento della prova.

 

Decido il budget per l’acquisto del materasso

Comprare un materasso nuovo è un vero e proprio investimento e fare un buon acquisto nel tempo ci ripagherà senz’altro in termini di salute fisica, ma anche di buon umore mattutino!
Perciò, come per tutti gli investimenti, anche in questo caso è importantissimo decidere un budget da destinare.

Per l’acquisto di un materasso matrimoniale consiglio di destinare un budget non inferiore a € 500, la metà se parliamo di un singolo. Materassi venduti ad un prezzo inferiore difficilmente possiedono qualità necessarie per durare nel tempo.

 

Chiedo informazioni: alla ricerca delle recensioni sul materasso

Dopo una bella infarinatura iniziale e aver deciso il budget di spesa, è arrivato il momento di cercare il luogo dove procurarsi questo oggetto così prezioso. In base alla mia esperienza, il miglior metodo per avere info per un nuovo acquisto è il passaparola, chiedendo ad un amico o un familiare facendosi raccontare quella che è stata la loro esperienza.

Tanti altri invece preferiscono ricercare on line visitando i vari siti internet e facendosi trasportare dalle emozioni del mondo informatico. In questo secondo caso è per me importantissimo leggere le recensioni di chi ha acquistato il materasso prima di noi. Chi scrive magari non è né un parente o un amico, ma se ha avuto un’esperienza estremamente positiva o al contrario parecchio negativa ci possiamo fidare anche di lui!

 

Come scegliere il materasso: la prova 

Bene! Ora si passa alla parte pratica: provare il materasso, che goduria!
Poter provare il materasso prima dell’acquisto è un diritto sacrosanto e lo Show Room deve essere un posto dedicato al relax.
Non ci deve essere assolutamente fretta nella scelta, anzi, non essendo possibile portarlo a casa e dormirci una notte, prenditi tutto il tempo necessario.
Noi teniamo molto a questo aspetto e spesso ci allontaniamo per permettere al visitatore di sentirsi come se fosse nella sua camera da letto.

Quando si testa un materasso è importante farlo nella posizione in cui si dorme a casa. Notiamo che quasi tutti quando si stendono per la prova assumono la posizione “a pancia in su” fermi e immobili. Certo, la schiena è sempre la prima a parlare, ma perché non farla parlare nella posizione in cui ognuno di noi si sente più a suo agio?

La scelta del materasso, come anche quella del guanciale è strettamente legata alla posizione preferita ed è per questo estremamente soggettiva. C’è chi lo preferisce più rigido, chi più avvolgente, chi invece cerca il giusto compromesso. Il bello di poter provare il materasso è vivere un’esperienza per arrivare a dire:

È lui, è quello giusto!

Un po’ come, per noi donne, quando si va a provare l’abito da sposa…

 

La spedizione/consegna: maneggiare il materasso con cura!

La consegna del materasso è una parte molto delicata. Il materasso è in genere molto ingombrante, soprattutto se matrimoniale, e spesso anche molto pesante, il che è un buon segno perché vuol dire che ci sono tante componenti all’interno.

Un consiglio utile: se la tua abitazione non è al piano terra, è bene trasportare il materasso attraverso le scale non utilizzando assolutamente l’ascensore perché si rischia di rovinarlo, soprattutto se si tratta di un materasso a molle. Capitò che un trasportatore a cui avevamo affidato la consegna fece entrare il materasso in ascensore deformandolo al punto che una riparazione non sarebbe stata possibile. Non lasciamoci ingannare dalle dimensioni, sono oggetti da maneggiare con estrema cura.

 

Cosa fare quando arriva: consigli per la cura del materasso

Quando finalmente hai messo sul letto il tuo materasso ideale è sapere come allungargli la vita e tenerlo sempre fresco e pulito. Ti do qualche dritta senza annoiarti troppo:

  • consiglio di girare e ruotare il materasso per ogni 15/20 giorno almeno per i primi 3 mesi dall’acquisto. Questa operazione è fondamentale per permettere al materasso di assestarsi. Se hai acquistato un matrimoniale sarebbe meglio farlo in due per alleggerirne il peso. Trascorsi i 3 mesi è sufficiente ripetere l’operazione anche ogni 6 mesi. Io per esempio lo faccio ad ogni cambio di stagione!
  • Per mantenerlo sempre fresco e pulito consiglio di arieggiare spesso la camera da letto e se ogni tanto lo si vuole sanificare, nessuna arma è più potente del vapore. Ma mi raccomando fallo asciugare bene dopo questo passaggio.
  • Infine consiglio di utilizzare sempre il coprimaterasso per proteggerlo dalla polvere e da eventuali macchie soprattutto se si hanno bimbi piccoli; in quest’ultimo caso se è impermeabile è ancora meglio! Se invece il materasso che hai acquistato è sfoderabile, puoi lavare la fodera seguendo le istruzioni di lavaggio presenti sull’etichetta. 

 

Cosa me ne faccio del vecchio materasso?

Se con l’acquisto del nuovo materasso vai a sostituirne uno vecchio, quest’ultimo diventa un rifiuto che per via delle dimensioni, non è possibile buttare nella pattumiera.
Ma non ti abbattere, c’è la soluzione.

I materassi sono “rifiuti ingombranti” e del ritiro e dello smaltimento si occupano le aziende di gestione rifiuti della propria regione. Il ritiro e lo smaltimento del vecchio materasso è gratuito e si richiede su appuntamento. Basterà posizionare il vecchio materasso fuori dal cancello la sera prima del giorno concordato. Oppure se il materasso è in buone condizioni, puoi anche destinarlo ad alcune comunità o associazioni per i più bisognosi.

 

Lo Show Room: la nostra esperienza

In passato abbiamo avuto diversi negozi nella nostra zona, ma nel 2017, dopo che io e mia sorella abbiamo preso in mano le redini dell’azienda, abbiamo inaugurato un nuovo Show Room direttamente in sede. È stata una giornata molto emozionante perché ha rappresentato l’inizio di qualcosa di nuovo, ma anche perché è stata condivisa insieme ai nostri dipendenti che si sono prestati ad aiutarci: chi scattava le foto, chi si occupava del buffet, chi dalla produzione è passato al contatto diretto con il cliente, chi dall’amministrazione prendeva i contatti dei visitatori che avevano partecipato all’evento. Non importava chi era chi, quel giorno la cosa importante era festeggiare insieme!

Noi crediamo molto nel contatto umano, nell’importanza delle relazioni e amiamo essere una guida per il cliente.

Hai già provato a scegliere il materasso tra le nostre proposte?

 

Materasso a molle Splendore

Materasso a molle con uno strato di avvolgente memory


Materasso a molle Harmony Splendore

Materasso a molle Terapeutico plus

Il nostro materasso più venduto!


Terapeutico plus Harmony-materassi

Materasso a molle Desiderio

Ergonomico, con rinforzi laterali, molto trendy!


Materasso a molle insacchettate Desiderio